Geofisica Misure s.n.c.


Geophysical surveys and monitoring of land and artifacts.

Laser Scanner 3D

Il Laser Scanner 3D rappresenta l’evoluzione più recente dei distanziometri laser. L’attrezzatura in nostro possesso (Riegl LMS-420i) utilizza la tecnologia del Tempo di Volo (TOF) che consiste nel calcolare le distanze misurando il tempo impiegato dall’impulso laser dal momento in cui viene emesso dallo strumento, al suo ritorno dopo la riflessione sulla superficie da rilevare. Il modello LMS-420i della Riegl ha un range di misura delle distanze estremamente ampio, consentendo di rilevare superfici da un minimo di 2 mt fino a circa 800-1000 metri. Le maglie di misura possono essere estremamente fitte, con punti distanziati dell’ordine del centimetro (nuvole di punti).

Connessa allo scanner, completamente integrata, è collocata una fotocomera digitale professionale che permette di associare alle singole scansioni delle immagini digitali a colori. Queste danno la possibilità, in tempo reale, di attribuire ad ogni singolo punto acquisito dallo scanner il colore reale (RGB). Inoltre in fase di post-elaborazione si potranno costruire superfici texturizzate, che permettono di sfruttare l’elevata risoluzione delle immagini fotografiche “spalmando” l’immagine digitale sulla nuvola di punti acquisita dal laser.

Rilievi da terra di così elevato dettaglio e rapida esecuzione, rendono il Laser Scanner in nostro possesso uno strumento estremamente affidabile per applicazioni di svariato tipo, tra cui:

  • rilievo e modellazione architettonica, su edifici e siti di interesse culturale ed archeologico;

  • rilievo e modellazione di siti industriali;

  • rilievo e analisi di fronti di cave per il calcolo dei volumi estraibili.

Inoltre, la possibilità di operare in post-elaborazione con algoritmi sempre più sofisticati, consente:

  • il calcolo delle caratteristiche geomeccaniche dei fronti rocciosi (analisi delle geometrie delle discontinuità);

  • il monitoraggio sei sistemi franosi, con la possibiltà di integrare misure GPS e stazione totale;

  • il monitoraggio dell’evoluzione delle linee di costa e delle dinamiche fluviali.